Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione del sito accetti il loro utilizzo. Leggi nell'informativa privacy come disattivarli. La disattivazione comporta il blocco di funzionalità del sito, come i video e i pulsanti social.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le cose infami che affastello qui, non hanno ordine cronologico o ambizione di puntiglio storico: sono un elenco sparso delle botte di rabbia cumulate leggendo, in tanti anni, cosa ci hanno fatto; rinfrescate dall'impunita, spudorata profusione di quel sentimento del peggior nordismo (dileggio, disprezzo, disistima) che sostiene, ancor oggi, linguaggio e azione di troppi settentrionali.

Questo ed altri pensieri importanti ho estratto dal libro e di tutti farò tesoro d'ora in poi perché anch'io, come tutti, posso fare qualcosa per cambiare le cose, perché il sud non sia più "meridione", il terzo mondo d'Italia.  purtroppo ho trovato il libro un po' confusionario - proprio perché non segue un ordine logico/cronologico, e molto ripetitivo. Non pesante, fortunatamente, anzi: chiaro e ben scritto. Non posso dargli meno di quattro stelline, anche se forse sarebbero tre e mezza.  penso di riprenderlo, e terminarlo, prima o poi. non a breve. la mia vita personale è troppo incasinata in questi anni: devo essere mentalmente più "libera" per poterlo finire.

Un libro comunque consigliato a chi ama e vive al Sud... e anche a chi vive al Nord, perché liberi le proprie spalle dal peso di pregiudizi e luoghi comuni ahimè troppo pesanti. Sarebbe consigliabile anche nelle scuole, in realtà, visto ciò che girava e gira sui libri di storia nelle nostre scuole...

Joomla templates by a4joomla