Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione del sito accetti il loro utilizzo. Leggi nell'informativa privacy come disattivarli. La disattivazione comporta il blocco di funzionalità del sito, come i video e i pulsanti social.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come tanti altri personaggi di storie famosissime (oltre le più o meno fantasiose diverse trasposizioni cinematografiche), chiunque conosce la storia del Dr Jekyll e del suo alter ego, Mr Hyde... un po' come Dracula, Dorian Gray, come il Dr Frankenstein e la sua creatura antropomorfa, come i personaggi delle favole, come lo jeti, le sirene, il licantropo, e la fatina dei denti… sono tutti entrati nell’immaginario collettivo più come vecchie leggende, come “conoscenze”, che come opere di letteratura, personaggi usciti dalla mente di qualche geniale autore – del passato recente come di quello più antico, da Stevenson, a Shelley, da Stoker a Wilde, da Andersen fino ad Omero…  Tutti conosciamo la sua storia, molti l’hanno letta, tanti si sono fermati al concetto di separazione tra bene e male che appare “in superficie”…  L'integerrimo, rispettabilissimo Dr Henry Jekyll, appassionato di chimica, frequentatore della buona società londinese, irreprensibile ed al di sopra di ogni sospetto... e la sua creatura, l’altra metà di se stesso, signor Edward Hyde, libero da coscienza, da scrupoli, da rimorsi, da compassione e rimpianti… gioca sul filo della natura umana, Stevenson, nel narrare di un uomo che è riuscito a dividere da sé la parte peggiore della sua anima, dandole nuova vita come se fosse un’altra persona… potendo sfoggiare l’una o l’altra natura a seconda delle circostanze o delle convenienze: mai presenziare ad una cena come Mr Hyde, ma per passeggiate notturne per le vie deserte della città, tra un crimine e l’altro, non potrebbe certo andarci il Dr Jekyll: si rovinerebbe sicuramente la reputazione!  Ma allora, il “perfetto” Dr Jekyll non è forse peggio della creatura che i suoi esperimenti hanno liberato? Non è forse peggio l’uomo che reprime i suoi desideri, le sue fantasie, fingendosi ipocritamente rispettabile, e dentro di sé sognando le peggiori nefandezze, rispetto all’uomo libero di essere se stesso, che accetta i propri vizi ed i propri difetti? Non è forse peggio tentare di domare la propria natura piuttosto che imparare ad ascoltarla ed assecondarla (beh, in maniera “sana”, ovviamente: mica sto dicendo che ammazzare è un bene purché si desideri farlo e ci si senta liberi di farlo!!!) Non è forse peggio liberare da sé e “sguinzagliare” una creatura malvagia sapendo di poter godere impunemente dei suoi crimini perché si resterà con la coscienza pulita (e soprattutto non ci si rovinerà reputazione e fedina penale)?  Quanto più era repressa ed inascoltata l’anima di Jekyll, tanto più forte e prorompente era l’energia negativa di Hyde… finché il selvaggio e crudele Mr Hyde non decide di prendersi la libertà che gli spetta, perché è lui l’istinto che governa l’anima di Jekyll, il bisogno di “male” che era sempre stato represso e che adesso attraverso una giustificatrice pozione chimica può vivere e respirare… ma quello che Jekyll ha – troppo tardi – capito, è che non solo lui non riesce a vivere senza Hyde, ma anche Hyde non può vivere senza Jekyll…  e lo stesso Hyde, rifiutando, nella sua ribelle mostruosità, questo dogma dell’animo umano, che ha in sé tendenze al bene, al rispetto altrui, ed anche in contrapposizione, spinte egoistiche e gratuitamente crudeli… tenta di liberarsi dall’istinto repressore di Jekyll, tenta di prendersi la sua rivincita su una vita vissuta in clausura nel cuore del chimico come il genio chiuso per secoli in una lampada, ma non sa che come il genio non ha ragione di esistere senza un padrone, anche Hyde non può esistere senza l’altro se stesso… e questa ribellione non può che portare all’autodistruzione… Jekyll lo aveva capito, Hyde, no…  Jekyll e Hyde come Dorian Gray ed il suo ritratto (Wilde), come il doppio sogno di Fridolin (Schnitzler), come tutte le coppie buono-cattivo della letteratura e non… in un dualismo tra bene e male, nel quale, come ci insegnano da bambini, dovrebbe vincere sempre il bene… senza spiegarci mai che il bene non è tutto dalla parte dei buoni, e che i cattivi non sono mai completamente malvagi…   (ma tra il gatto Tom ed il topo Jerry, chi è il vero cattivo?!?)  

Joomla templates by a4joomla