Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione del sito accetti il loro utilizzo. Leggi nell'informativa privacy come disattivarli. La disattivazione comporta il blocco di funzionalità del sito, come i video e i pulsanti social.

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Premessa: questo racconto è stato scritto nel 1982, e come tante altre opere ha subìto l'opera di trascinamento e rispolvero che le centocinquanta sfumature hanno avuto sulla letteratura di genere erotico (sado-maso nello specifico).

avevo letto un articolo on Line,  dedicato a questo racconto, proprio pochi giorni fa, e naturalmente mi ero incuriosita.

Poi, un pomeriggio,  passeggiata in libreria, ed eccolo sotto il mio naso proprio sul bancone della cassa. E dal bancone nella mia busta in pochi istanti, sorrisino malizioso della commessa ventenne compreso.

davvero quel sorrisino non solo non me lo aspettavo (contavo su professionalità ed apertura mentale visto il luogo in cui ci trovavamo entrambe), ma è più forte di me: non sopporto pregiudizi,  bigottismo e falsi moralismi.

Torniamo al racconto. il padrone e la cameriera. Lui, lei, il letto, la continua ricerca della perfezione nei compiti assegnati.  Le frustate o sculacciate come conseguenza necessaria quotidianamente al mancato raggiungimento della perfezione. E l'imperfezione da lui e da lei continuamente ossessivamente cercata ed analizzata pEr non spezzare il quotidiano rassicurante rituale. Il bisogno di sentirsi padrone, il bisogno di sentirsi cameriera. 

La reciproca dipendenza tra i due protagonisti tanto da non capire chi dei due sia effettivamente e realmente il padrone e chi il sottomesso.

Lo stile quasi poetico, musicale, cantante,  ben costruite le visioni erotiche ed oniriche. Si entra nella camera ogni mattina con la cameriera, si aspetta ogni giorno l'evoluzione del loro rapporto, l'aspettativa in un crescendo di onde che si infrangono ripetute sulla spiaggia. tutte diverse eppure sempre uguali tra loro.

Joomla templates by a4joomla