Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione del sito accetti il loro utilizzo. Leggi nell'informativa privacy come disattivarli. La disattivazione comporta il blocco di funzionalità del sito, come i video e i pulsanti social.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Stamattina ho pensato: piuttosto che andare a comprare le pizze in pizzeria, per me ed il cucciolo, piuttosto che fare una fila di un'ora con il pupattolo che si annoia e che vorrebbe mangiare lì, ma i tavoli sono tutti occupati, oppure vorrebbe tornare a casa ma dobbiamo aspettare... perché non preparare l'impasto a casa, e magari coinvolgere il bambino nel preparare una pizzetta tutto da solo? detto fatto!

appena rientrata dall'ufficio sono passata al supermercato a comprare farina, lievito, salsa di pomodoro, mozzarelle, e oggi pomeriggio ho rimesso in funzione il robot tanto a lungo trascurato.

Servono: 500 g farina, 1 panetto di lievito, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, un pizzico di sale, un pizzico di zucchero, un pizzico di bicarbonato, dell'acqua tiepida.

Impastare la farina con un pizzico di sale, uno di zucchero, uno di bicarbonato, l'olio. Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida ed aggiungerlo all'impasto. Eventualmente aggiungere altra acqua tiepida finché la pasta diventa una palla liscia ed omogenea e non appiccicosa (se è appiccicosa aggiungere dell'altra farina). Lasciar lievitare al caldo per qualche ora.

Stendere la pasta nelle teglie unte, con le mani (non usare il matterello!). Condire con salsa di pomodoro, mozzarella tritata, altri ingredienti a piacere. Un filo di olio.

Cuocere in forno già caldo a 250° per 10-15 minuti. E buon appetito!

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ottima da preparare quando restano degli albumi e non sappiamo cosa farne (per esempio quando si preparano delle crostate o delle creme), e in più è facile da preparare, e - relativamente - dietetica! Ok, certo, non è una "vera" mousse, ma al palato non dispiacerà gustare anche questa leggera versione, no?

servono 5 albumi e 180 g di cioccolato fondente 

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria, e poi montare a neve ben ferma gli albumi (con un invisibile pizzico di sale).

Versare gli albumi montati nel cioccolato fuso e mescolare lentamente dal basso verso l'alto fino ad amalgamare il composto.

Versare quindi nelle ciotoline e lasciar raffreddare in frigo per almeno mezz'ora prima di gustare questa delicata e leggera mousse.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ho trovato on line diverse ricette per preparare velocemente una torta allo yogurt, ma tutte richiedevano l'utilizzo di olio (extravergine di oliva, oppure di semi).
Da "cuoca per necessità" più che per hobby, sono piuttosto scettica sull'uso dell'olio nelle ricette per i dolci perché in genere il sapore dell'olio (soprattutto di oliva) tende a farsi sentire! Così ho sperimentato una variante, che secondo me è anche più dietetica!

---


La facilità di questa torta sta nell'utilizzo dei bicchierini di yogurt (io uso anche i bicchieri di plastica usa e getta) per pesare gli ingredienti:

2 vasetti di yogurt (anche alla frutta "frullata", senza pezzi. io ho usato sia quello bianco "fiordilatte", sia quello al caffè e la torta è venuta comunque buona)

2 bicchieri di zucchero

3 bicchieri di farina

1 bustina di lievito per dolci

3 uova

buccia di arancia e buccia di limone grattugiate (se si usa lo yogurt bianco)

1 pizzico di sale.

---

Anche il procedimento è semplice:

Intanto, pre-riscaldare il forno ventilato a 170-180°

Montare con la frusta le 3 uova intere con i due bicchieri di zucchero, finché saranno chiare e cremose e lo zucchero sarà completamente sciolto. Unire i due vasetti di yogurt, e successivamente incorporare la farina setacciata, la bustina di lievito ed il pizzico di sale (e l'eventuale buccia di arancia e di limone).

Versare il composto che risulterà morbido e cremoso, senza grumi, in una tortiera da 24 cm (preparata con carta-forno) ed infornare per circa 30 minuti (controllare la cottura con il solito metodo dello stuzzicadenti).

La torta si può servire spolverata di zucchero a velo, oppure tagliata e farcita con le creme preferite.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ovviamente nessun dolce è dietetico, non illudiamoci, ma questa è una versione... come dire... più leggera e meno calorica della classica torta di mele, ed è altrettanto golosa!

servono: 400 g di farina, 300 g di zucchero, 3 uova, 2 bustine di lievito per dolci, un bicchiere di latte, la buccia grattugiata di un limone, 4 mele, il succo del limone, e zucchero a velo q.b.

Innanzi tutto accendere il forno a 180° (perché servirà caldo!), poi sbucciare e tagliare le mele a fettine sottili, e spruzzarle con succo di limone perché non si ossidino, mentre si prepara l'impasto.

Amalgamare quindi le uova intere con lo zucchero, poi unire la farina e la buccia di limone. Aggiungere 3-4 cucchiai di latte, e sciogliere il lievito nel rimanente latte, che andrà aggiunto all'impasto ed amalgamare.

versare nella tortiera (imburrata o - per una versione più dietetica, foderata con carta da forno) insieme alle mele (che quindi non vanno utilizzate in superficie a guarnizione della torta, ma all'interno: sembrerà che si sciolgano durante la cottura, diventando cremose!).

Mettere in forno già caldo a 180° (meglio se ventilato: nel forno ventilato i dolci vengono buonissimi!) per 30-40° minuti e controllare con lo stuzzicadenti ogni tanto lo stato di cottura del dolce.

Lasciar raffreddare, spolverare con lo zucchero a velo e servire.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Come importare un foglio elettronico (.xls), un file di testo (.txt, .csv), XML, tabelle di un database esistente, all’interno di un database. 

Per quanto riguarda gli oggetti di altri database (tabelle, query, report, maschere, macro), si possono importare in modo praticamente automatico. Per le tabelle si può anche scegliere se importarne la sola struttura, selezionando l’opzione “Solo definizione” nella finestra di dialogo “Importa oggetti”. 

Utilizzando Access 2003: menu “File”, scegliere “Carica dati esterni” e “Importa”, selezionare il tipo di file dalla finestra di dialogo che si apre, e sfogliare le cartelle per individuare il file da importare. Proseguire poi facilmente con la procedura guidata. 

Utilizzando Access 2007: selezionare nel gruppo “Importa” della scheda “Dati esterni” della barra multifunzione, il pulsante relativo all’applicazione d’origine della tabella che si vuole importare, poi selezionare “Importa dati di origine in una nuova tabella nel database corrente” e proseguire. 

Per importare un file di testo: “Importazione guidata file di testo”; selezionare il file di testo; selezionare l’opzione “Intestazione di colonne nella prima riga”; proseguire fino alla scelta di assegnare eventualmente la chiave primaria; assegnare il nome alla tabella.

Joomla templates by a4joomla